La forza del progetto di una famiglia

Caterina Vitiello / Direzione Artistica

Burattinaia figlia d’Arte, fin dall’età di 10 anni anima burattini, con loro e con i suoi genitori fa spettacoli girovagando per tutta l’Italia.
Nel 1999 si laurea presso l’Accademia Nazionale di Danza a Roma con una tesi intitolata “Danza, burattini e movimento” un lavoro dove vengono evidenziati i rapporti tra l’uso del movimento corporeo nel danzatore e nel burattinaio.
Nel 2004 con la nascita del Teatro Stabile dei Burattini “San Carlino” a Villa Borghese il testimone passa ufficialmente a lei e ne diventa la direttrice artistica.
Prima Burattinaia del Teatro, il suo cavallo di battaglia è Pulcinella Cetrulo, nella versione umana e in quella di legno. Caterina è una delle poche donne in Italia - forse l’unica - a interpretare questa maschera, a cui dà voce e anima da quando aveva 12 anni. La vedrete spesso anche nel personaggio della madre, che interpreta sempre con grande stile e dedizione a prescindere dal tipo e dalla natura della prole (Cappuccetto Rosso, i Tre Porcellini, Raperonzolo, i Sette Capretti, Hansel & Gretel, La Bella Addormentata eccetera).
Caterina è autrice SIAE, interprete e regista, ha diretto e scritto oltre trenta spettacoli, adattando per il teatro dei burattini diversi testi che vanno dalla fiaba, alle opere liriche, dalle opere popolari e ai grandi romanzi. Il suo lavoro di scrittura e di regia è sempre attento alle necessità e alla capacità di ricezione dei giovani spettatori del San Carlino.

Vera Zamuner / Fondatrice

È la mamma del San Carlino, di tutti i burattini e un po’ anche dei burattinai del nostro teatro. Insieme a suo marito Michele Vitiello ha fondato il San Carlino a Torino nel 1979.
Veneziana di adozione napoletana, ha una passione innata per i burattini. Da piccola si divertiva a inventare storie per i suoi fratelli, da grande per i suoi bambini, e ora che è nonna continua a farlo per i suoi nipoti.
A “Donna Peppa” Vera, noi del San Carlino dobbiamo la perseveranza nel conseguimento degli obiettivi del nostro teatro, dalla nascita ad oggi.
È la referente per l’organizzazione delle magnifiche feste e confeziona artigianalmente i burattini, i loro vestiti e i costumi di tutti gli attori.

Michele VitielloFondatore

Affabulatore sincero del teatro, grande amante della cultura partenopea e della maschera di Pulcinella, conosce storie, aneddoti e canzoni napoletane con cui incanta i numerosi visitatori del teatro. È lui ad aver tramandato lo spirito pulcinellesco alla figlia Caterina.
Michele è l’anima spiritosa del San Carlino, a lui dobbiamo le fragorose risate della nostra compagnia e la conoscenza di molti detti e proverbi utili nella vita, è sempre al lavoro e sa prendere la vita con filosofia.
Il suo grande sogno è realizzare una versione con i burattini de “La Cantata Dei Pastori” (opera del teatro religioso tardo-seicentesco).

Manuel Reimann / Direzione Tecnica

Paragonato ad un vento, Manuel è l’uragano del Teatro San Carlino, una folata di forza eccezionale, con peculiarità creatrice piuttosto che devastatrice.
Sposato con Caterina, è l’inventore delle scenografie degli spettacoli, l’ideatore di molti progetti e il risolutore di quasi tutti i problemi che sopraggiungono prima della messa in scena.
Laureato in Germania in Ingegneria della pianificazione urbana e territoriale, dopo aver lavorato per oltre 10 anni nell’ambito della pianificazione e gestione di grandi eventi (Giubileo 2000 a Roma, Giochi Olimpici invernali a Torino nel 2006, Europei di calcio in Austria / Svizzera nel 2008 e Giochi Olimpici di Pechino nel 2008), Manuel ha seguito Caterina nel lavoro famigliare assumendo la direzione tecnica e amministrativa e dedicando anima e corpo al teatro.

Antonio Accardo / Controller e responsabili amministrativo e organizzativo

Pur avendo oggi barba e portamento che gli danno la titolarità di “adulto” Antonio conserva lo spirito spensierato del fanciullo che a soli 6 anni si è avvicinato al San Carlino. Unico e inimitabile secondo Pulcinella del San Carlino, anima magistralmente i burattini cui sa dar vita anche dopo periodi di pausa lunghissimi. Conosce a memoria quasi tutti dei tantissimi  spettacoli in repertorio ed è capace di assumere ruoli altrui in caso di necessità stupendo tutti, anche se stesso.

Ad oggi è il controller del Teatro, è responsabile amministrativo e organizzativo, a lui non sfugge nulla ed ha sempre pronto un protocollo per gestire ogni situazione. La passione per l’arte e l’amore per questa famiglia teatrale di cui è entrato a far parte non lo mollano e ogni tanto sfugge al proprio controllo e si trova a parlare coi burattini dormienti come faceva da bambino.

Lina Corsaro / Responsabile scuole e laboratori

Creativa e pragmatica Lina è rimasta affascinata dalla magia di questo teatro nel lontano 1995, ha seguito in punta di piedi le numerose avventure di Pulcinella e della compagnia, animando burattini, offrendo timidamente la sua voce per molti personaggi femminili e ha poi trovato la sua strada nel laboratorio del San Carlino, dove inventa e costruisce burattini e pupazzi, progetta percorsi di laboratorio per i bambini delle scuole. Laureata in Scienze Ambientali con indirizzo marino, coniuga perfettamente l’amore per il suo studio e quello per il teatro. Il sogno nel cassetto è quello di realizzare pupazzi marini per una versione de “La sirenetta” da rappresentare su una spiaggia di Procida.

 

Jonnie Jupiter / Il Boss

È lui il capo del Teatro San Carlino. Dietro l’aspetto di un paperello con il cappuccio che balla il pezzo rock’n roll “Stupid Cupid” si nasconde il Boss del Mondo con la delega anche del Teatro San Carlino. Grande amico di Marco Ceccotti, nella stagione 2011/2012 ha partecipato con dei camei a molti spettacoli del San Carlino, ma poi si è stufato ed è andato negli Stati Uniti per fare lo Stunt-Man. Attualmente gira le scene pericolose in “Un posto al Sole” e nelle repliche de “ La signora in Giallo”

Condividi su: