Descrizione del progetto

Il San Carlino è un teatro nato a Torino nel 1979 ad opera di una famiglia di burattinai.
Lavora in maniera itinerante in tutto il territorio nazionale fino al 1998, anno in cui, gli storici burattinai della famiglia Vitiello si trasferiscono definitivamente a Roma e fondano il nuovo Teatro Stabile dei Burattini “San Carlino”, inaugurato nel 2004 e facente parte dei Punti Verdi Infanzia del Comune di Roma.
Da allora il teatro agisce sul territorio romano in un costante lavoro socioculturale dedicato all’infanzia attraverso i suoi spettacoli, i suoi laboratori e il rapporto con le scuole. L’attività prevalente è costituita dalla produzione e realizzazione di spettacoli che vengono replicati nei fine settimana all’interno di un vero e proprio cartellone teatrale che va da settembre a giugno.

Con l’avvento della pandemia del 2020 il teatro è costretto a fermarsi durante il lockdown e a patire le difficoltà generate dalle limitazioni successive. Volendo mantenere vivo il rapporto con il suo pubblico il teatro comincia a sviluppare contenuti per le maggiori piattaforme on line.

Questa nuova apertura è supportata da esigui mezzi tecnologici e non riesce a far fronte alle nuove necessità. Contestualmente il teatro matura una nuova consapevolezza riguardo alle aperture che il web offre al mercato dei contenuti per l’infanzia sia in chiave business to consumer (famiglie) che business to business (prevalentemente scuole). Il processo di digitalizzazione si presenta quindi come una necessità inderogabile, da un lato per far fronte all’emergenza pandemica, dall’altro per rilanciare l’operato del teatro in un nuovo mercato. Si fa strada quindi l’ipotesi di acquisire competenze e tecnologie capaci di questo rilancio.

L’Obiettivo del progetto quindi è di rendere fruibili a distanza gli spettacoli del Teatro San Carlino, ottimizzando le risorse a disposizione.

Condividi su: